Campagna Co.Mark Radio 24
Qui sopra puoi scorrere i testimonial che hanno dato voce alla nostra campagna radiofonica
L’importanza di una corretta valutazione del contesto attuale in un Sales Plan
La base di un Sales Plan Internazionale si fonda sulla precisa valutazione del contesto in cui l’azienda si colloca al momento dell’analisi.
Una visione corretta e specialistica dei mercati esistenti, prodotti e capacità realizzative, canali di distribuzione intrapresi e comportamenti della concorrenza, forniscono gli elementi chiave per sviluppare una strategia mirata e vincente.
Fondamentale quindi una corretta analisi del contesto attuale in termini di prodotto, canali e mercati ed una corretta analisi del contesto attuale dei concorrenti in termini di prodotto, canali, mercati. 
La resilenza: una filosofia per il benessere aziendale
In psicologia, la resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva alle difficoltà.
Un’impresa resiliente riesce a sfruttare l’incertezza, il rischio per progettare nuove soluzioni. In tale tipo di sistema è necessario cambiare la percezione del rischio, in quanto deve essere vissuto come un’opportunità di innovazione e di crescita. L’approccio resiliente diventa quindi di fondamentale importanza in un sistema caratterizzato da cambiamenti imprevisti. Per raggiungere gli obiettivi e risultati soddisfacenti è indispensabile che l’impresa si esponga a rischi e tenda a proseguire un percorso di crescita continua.  
Essere reattivi, flessibili e capaci di problem solving
 Spesso la chiave del successo sta nella capacità di soddisfare le esigenze e le dinamiche dei singoli mercati approcciati.
Essere “tempestivi” nell’invio del materiale richiesto significa dare un valore aggiunto alla propria azienda e al proprio lavoro; significa avere una marcia in più sui propri competitors, ed è questa, in tanti casi, la vera chiave del successo.
Trovare sempre tempestivamente le soluzioni alle problematiche fa della propria azienda un partner affidabile e prezioso.
La sede aziendale: i dettagli fanno la differenza?
Catturare l'interesse di potenziali clienti tramite visite mirate presso la sede produttiva rappresenta una vetrina di indubbio valore.
Una sede aziendale ordinata, razionale ed operosa è sinonimo di floridità e attenzione verso i dettagli, aspetti che devono contraddistinguere l'inizio di qualsiasi relazione di business.  
Un sito internet ben fatto ed aggiornato è uno strumento commerciale importante
 Spesso è sottovalutata l'importanza dell'immagine on-line della propria azienda che nelle dinamiche di mercato odierne rappresenta un biglietto da visita importante.
Pubblicare un sito ben strutturato, fruibile e dinamico è fondamentale per attrarre l'attenzione dei prospect, e il suo aggiornamento costante ne garantisce non solo la continua indicizzazione nei motori di ricerca ma anche la capacità di mantenere vivo l'interesse dei propri utenti.
Puntualizzazione sull'analisi SWOT in chiave di export
 In chiave di export, è doveroso sottolineare quanto sia importante sviluppare un'analisi SWOT dell'azienda differenziandola per ogni singolo mercato obiettivo.
Un'analisi SWOT generica e indistinta per tutti i mercati esteri di destinazione è un grave errore in quanto punti deboli e forti ed opportunità e minacce variano anche molto al variare dei mercati esteri approcciati.
First
Prev
Pagina 1 di 31
Next
Last

2Oct 2014

Immagine e comunicazione per colpire nel segno

Inserito da: admin

L’azienda è specializzata nella produzione di serramenti in legno di alta gamma; il fatturato è di 3 milioni di Euro realizzato fino al nostro intervento esclusivamente sul mercato nazionale.
Come molte aziende italiane, si tratta di una classica azienda familiare che ha fatto della massima attenzione alla qualità del prodotto e al servizio post-vendita la chiave del suo successo per i partner consolidati che la conoscono da sempre.
L'azienda non ha mai adottato una comunicazione adeguata in grado di evidenziare i propri plus.
Essendo il prodotto realizzato legato al settore dell’arredamento e del design, uno dei settori distintivi del Made in Italy e in cui l’immagine ha un peso determinante, per poter affrontare un processo di internazionalizzazione e, più in generale, di ricerca attiva di nuovi clienti, altrettanto determinante è stata la creazione di sito web e catalogo moderni e in lingua, in cui fossero incluse immagini con un forte appeal associate a una descrizione di quegli aspetti che contraddistinguono la specifica produzione dell’azienda e che per gli esperti del settore fanno la differenza.
Il risultato è stato un aumento della curiosità e delle richieste d’offerta pervenute dai prospect contattati sui mercati selezionati, e l’avvio di una collaborazione con alcuni di essi, agevolati loro stessi nell’introduzione di un nuovo prodotto nel loro portafoglio dalla presenza di supporti adeguati per spingerlo nel modo giusto. 

1Oct 2014

Sostituti del latte uso feed: Scegliere in maniera adeguata mercati, prodotti e rinnovamento aziendale

Inserito da: admin

L'azienda presa in considerazione produce succedanei del latte per giovani animali.
Il desiderata dell'imprenditore era trovare nuovi sbocchi all'estero inizialmente in Europa poiché l'Italia non garantiva più le quote di mercato auspicate.
L'azienda offre prodotti di qualità ma con un'immagine datata e di scarso appeal.
I concorrenti si presentano invece con prodotti più versatili, di livello qualitativo inferiore ma con forte impatto in termini di immagine e rete distributiva internazionale.
Il compito nostro è stato quello di far comprendere all'azienda che restare fermi all'immagine datata non ci avrebbe permesso di presentarci in maniera adeguata e di far leva sul livello qualitativo superiore offerto.
E' iniziato cosi un processo di re-stlying generale che ha coinvolto logo, cataloghi, sito, schede tecniche e packaging.
Nel frattempo sono state fatte ricerche e test per l'individuazione dei mercati piu' ricettivi, i quali si sono confermati tutti in area EXTRAUE poiche' l'Europa è per ora troppo inflazionata dalle esclusive dei competitors.
Attualmente è stato acquisito un importante cliente nel middle east e si stanno discutendo importanti collaborazioni con altre zone sempre in zona middle east e sud africa.
Fatturato ad oggi acquisito : 130.000€ ad un anno di inizio attività. 

First
Prev
Pagina 1 di 65
Next
Last


  • Imprese in pressing sul “made in”
    L’Europa è l’unico continente senza leggi in tutela del Made In. Se l’Europa vuole veramente sostenere il manifatturiero, deve rendere obbligatoria l’indicazione di origine dei prodotti commercializzati al suo interno, come avviene in tutti i principali mercati mondiali. Il rischio è la progressiva deindustrializzazione dell’Europa. L’approvazione del regolamento porterebbe più sicurezza e una maggiore tutela della salute per milioni di consumatori. In Europa si creano prodotti d’eccellenza, ma non c’è l’obbligo di indicare il luogo di manifattura. Il Made in Italy rimane un must che fatica ad imporsi quando ci sono azioni che distorcono il mercato, come il dumping, ad esempio nel settore ceramico.

  • Mobili italiani nelle case di Israele
    Mobili e arredamenti "alta gamma" con un particolare interesse per i prodotti dal design minimalista. Queste le richieste che arrivano dal mercato israeliano, numericamente piccolo, ma di pregio, caratterizzato da una domanda che riconosce la qualità e il valore premium del made in Italy. Il buon stato di salute dell'economia israeliana è confermato dal tasso di crescita di circa il 3,5%, una disoccupazione stabile, mentre il deficit del bilancio statale è in miglioramento. In più il mercato immobiliare continua a vivere un ciclo di fermento, con grandi progetti residenziali in fase di realizzazione a Tel Aviv e altre aree del Paese. Il momento favorevole del mercato israeliano è confermato dall'andamento delle importazioni di arredi dall'Italia: lo scorso anno sono stati superati i 100 milioni, con una crescita a due cifre, circa il 30%, rispetto al 2012.

  • Croazia il rilancio dell’export
    L’economia croata promette bene all’interno dello scenario europeo dopo l’entrata nell’UE quando già in realtà la sua economia era agganciata all’economia dell’Unione da tempo. La politica economica del paese sta puntando sull’export, ma ancora oggi poche produzioni sono adatte ai mercati internazionali. Il Paese sta inoltre vivendo di riflesso le difficoltà dell’Ue: scarsa produttività, scarsa crescita e squilibri di bilancio. Secondo l’Istituto di Finanza Pubblica di Zagabria, il rischio è quello di considerare l’Ue come la soluzione a tutti i mali del Paese, mentre sarà inevitabile una fase di assestamento, dopo qualche anno non facile.

  • Traino europeo per l’export tricolore
    La Germania, primo mercato di sbocco per l’Italia aumenta gli acquisti italiani su base tendenziale del 4,6% accelerando rispetto ai dati del primo bimestre, con acquisti in forte aumento per farmaceutica, tessile, gomma-plastica e macchinari, protagonisti questi ultimi di una crescita del 6,5%. Ancora meglio della Germania, tuttavia, fanno altri mercati, con crescite addirittura a doppia cifra per Spagna, Polonia, Repubblica Ceca e Romania. Bene anche il Regno Unito, con l’export made in Italy verso Londra a crescere del 9,5%.

  • Dall’export di petrolio un maxi stimolo all’economia USA
    Gli Stati Uniti rischiano di strangolare il boom petrolifero se non apriranno al più presto le frontiere all’export di greggio. La decisione di cancellare il divieto al contrario potrebbe essere un formidabile catalizzatore per l'economia del Paese: tra il 2016 e il 2030, grazie a una produzione di greggio superiore a quella dell'Arabia Saudita, nelle casse dello Stato arriverebbero almeno 1.300 miliardi di dollari in più e il Pil si metterebbe a correre, con maggiori investimenti, migliaia di posti di lavoro e più ricchezza per le famiglie, anche nelle aree in cui non c'è traccia di shale oil. Liberare l'export genererebbe 746 miliardi di dollari di investimenti extra nel periodo 2016-2030, si creerebbero 394mila posti di lavoro all'anno e gli Usa risparmierebbero, sempre ogni anno, 67 miliardi in importazioni di greggio.